Ginnastica ritmica, Campionato d'insieme: La sfida delle cinque palle

Articolo di Chiara Spazzapan - 11 anni

 

Il mio nome è Chiara, ho dieci anni e faccio ginnastica ritmica nella società A.P.D. l'Impronta. Sabato 28 Aprile al Palamare di Caorle si è svolta la "1 prova del campionato d'insieme silver regionale, allieve", una gara di ginnastica ritmica. Tra le ginnaste dell'Impronta che partecipavano c'ero anche io, con la mia bella squadra: in cinque, con cinque palle come attrezzi.

 

Due ore prima della gara abbiamo iniziato a fare riscaldamento: punte, onde, spaccate, giri, equilibri e salti. Poi abbiamo provato l'esercizio, seguite dalla nostra allenatrice. La tensione aumentava ogni minuto che passava, ma cercavamo di aiutarci l'un l'altra. Una mia compagna era molto agita e l'abbiamo aiutata a calmarsi, così siamo uscite dallo spogliatoio con un sorriso e ovviamente con il nostro bellissimo body. I nostri capelli erano legati in chignon pieni di gel, forcine, lacca normale e lacca brillantinata.

 

Ad un certo punto abbiamo sentito pronunciare queste esatte parole: "IN PEDANA, L'IMPRONTA!" Era giunto il momento. Abbiamo fatto il saluto e ci siamo messe nella posizione iniziale. Partita la musica, ci siamo impegnate nel nostro esercizio; i lanci erano venuti tutti perfetti, poi era il momento dell'equilibrio, quando, una di noi ha perso l'equilibrio. Per fortuna non è caduta, aveva perso un attimo la concentrazione, ma poi si era ripresa. Era il momento dell'ultimo scambio con le cinque palle, in quattro le avevamo riprese, mancava solo l'ultima: era ancora in aria, tutte la guardavamo... la palla è sbattuta sulle gambe della compagna ed è rotolata via. Ma lei ha corso per recuperarla e l'ha fermata prima che uscisse di pedana. Io la osservavo senza tristezza, perché sapevo che non era il suo lancio preferito e sapevo anche che ce l'aveva comunque messa tutta. L'esercizio era finito, e dopo il saluto finale, una volta uscite di pedana a consolare la nostra compagna, triste per la perdita che aveva fatto, tutte le nostre compagne dell'Impronta sono venute a farci i complimenti dopo il grandioso tifo. Eravamo state grintose e brave ad andare avanti senza mai mollare, c'eravamo aiutate, c'eravamo consolate a vicenda e complimentate, nessuno poteva dire che non eravamo una squadra. Anzi noi non siamo solo una squadra, ma siamo un gruppo di amiche! In più arrivate seconde su cinque!

 

La prossima gara che affronteremo insieme non sarà più regionale, ma nazionale. Sarà a Rimini, il 30 giugno e noi siamo pronte ed entusiaste a gareggiare!

 

Pubblicato il 03 giugno 2018