Judo, Crederci sempre e non mollare mai: dopo un infortunio si può “rinascere”

Articolo di Christian Furlan - 12 anni

 

Questa è la storia di Christian Furlan, giovane atleta dell’ASD Dojo Sacile, che domenica 19 novembre 2017, durante un incontro di judo al palazzetto dello sport F. Cornacchia di Porcia, ha subito un grave infortunio: la frattura scomposta del femore sinistro. Il tanto atteso passaggio alla categoria Esordienti era alle porte, carico di grandi aspettative: mancava solo un mese e mezzo! Ma il judoka, in un attimo, ha visto sfumare tutti i sacrifici e l’impegno che dall’età di 5 anni lo hanno portato a indossare il judogi.

Sembrerebbe una storia triste: invece non lo è! A quasi otto mesi da quel giorno, dopo due interventi chirurgici e fisioterapia, si può vedere nuovamente Christian impegnato nei suoi allenamenti settimanali, insieme agli amici del club, al Palamicheletto di Sacile. L’infortunio ora è solo un brutto ricordo.

 

Qual è “il segreto” di tutto ciò? Per scoprirlo siamo andati a seguire gli allenamenti dei ragazzi dell’ASD Dojo Sacile in questi pomeriggi di luglio. Si capisce subito che aria si respira sul tatami: non solo di sana competizione e di impegno, ma anche di condivisione, complicità e grande amicizia. Nonostante si allenino insieme giovani di diverse età, subito dopo il saluto iniziale si percepisce un clima di serenità e collaborazione. Questo è “il segreto”! - Gli sguardi complici degli amici, la fiducia che si ripone in loro mentre ci si allena sapendo che non si è al 100%, la pacca sulla spalla che mi danno quando una mossa non è perfetta perché non riesco a caricare ancora bene il peso sul femore - ci racconta Christian. – La sicurezza che mi dà sempre il mio maestro, il quale mi ha seguito con tantissima pazienza anche per tutta la fisioterapia. - Continua il judoka. Tutto ciò, insieme a un carattere tosto, una grandissima passione per questo sport e tanta costanza hanno aiutato Christian a tornare sul tatami. Quando a fine allenamento abbiamo chiesto a Furlan cosa gli ha lasciato questo brutto infortunio, alzando i pantaloni del judogi ci ha detto: - “Una passione ancora più grande per il judo e solo queste due grandi cicatrici ai lati del ginocchio sinistro”.

 

 

Il campione di judo della nazionale georgiana Lasha Shavdatuashvili: oro olimpico Londra 2012 (66kg), bronzo olimpico Rio de Janeiro 2016 (-73kg), campione europeo 2015 (66kg), insieme all’atleta Christian Furlan. Scattata il 05/11/2017 a conclusione di uno stage presso il palazzetto dello sport di Sacile “Palamicheletto”; la foto ritrae il campione con il judoka dell’ ASD  Dojo Sacile pochi giorni prima dell’ infortunio. 

Pubblicato il 30 luglio 2018